Enrico Terrone

Tenore

La passione per la canzone classica napoletana e per i suoi interpreti lo porta, sin da bambino, ad accostarsi al mondo della lirica e dei grandi tenori come Mario Del Monaco, Franco Corelli e Luciano Pavarotti. Il suo primo concerto pubblico è stato a soli nove anni. Nonostante gli studi universitari ed un’avviata attività di fisioterapista, il richiamo per l’opera lirica è talmente forte che decide di dedicarsene a tempo pieno. Così, dopo essere stato ammesso al conservatorio “San Pietro a Majella” di Napoli, risultando primo in graduatoria, inizia a perfezionarsi anche con artisti di grande livello come Bruno Praticò, Fiorenza Cedolins, Alberto Gazale, Federico Longhi, Alfonso Antoniozzi e Simone Piazzola. Attualmente segue gli insegnamenti del M° Giacomo Prestia.

Nei suoi primi ruoli da solista ha interpretato il Don Ottavio nel “Don Giovanni” di W. A. Mozart (Napoli 2012), il Ferrando in “Così fan tutte”, sempre dello stesso autore (Malta 2013), e Il Principe di Persia in “Turandot” di Giacomo Puccini sotto la direzione di Daniel Oren (Salerno 2014).

Nel dicembre 2014 veste i panni di Mario Cavaradossi nella “Tosca” di Giacomo Puccini (Lecce) mentre, nel successivo mese di gennaio 2015, sarà Alfredo Germont ne “La Traviata” di Giuseppe Verdi (Lecce). Un ruolo che tornerà a ricoprire ancora due volte nel mese di luglio (Recanati) ed agosto (Agropoli).

Il 22 agosto 2015 debutta il ruolo di Rodolfo ne “La Boheme” di Giacomo Puccini (Lecce)

Il mese di settembre lo vede impegnato quale cover di Canio in “Pagliacci” di Ruggero Leoncavallo, in una tournée giapponese a Kyoto e Himeji, ruolo debuttato poi l’11 gennaio 2016 (Lecce).

Nel novembre del 2015 è impegnato quale cover di Giorgio Berrugi nel ruolo di Rodolfo ne “La Boheme” di Puccini presso il teatro Giuseppe Verdi di Salerno sotto la direzione di Daniel Oren. Nell’aprile 2016 nel medesimo teatro, sotto la direzione di Carmine Pinto, torna ad essere cover questa volta di Piero Giuliacci, nel ruolo di  Canio in “Pagliacci” di Leoncavallo. 

E’ primo in graduatoria nel concorso 2016 per la Fondazione Arena di Verona.

Nel dicembre del 2016 è cover di Gustavo Porta nel ruolo di Mario Cavaradossi in “Tosca” presso il teatro Verdi di Salerno con la direzione di Daniel Oren.

Partecipa in qualità di tenore solista al “Gala De Operà Open Air” presso Arad (Romania) con la Filarmonica di Stato diretta dal M° Giuseppe Carannante.

Nel dicembre 2017 è nuovamente Il Principe di Persia in “Turandot” al Teatro Verdi di Salerno, sotto la direzione di Daniel Oren e la regia di Pier Francesco Maestrini.

Successivamente, nel medesimo teatro, è cover di Alfredo Germont ne “La Traviata” di Verdi, con la direzione di Francesco Ivan Ciampa e la regia di Pier Paolo Pacini.

Vince l'audizione per il ruolo di Mario Cavaradossi nella Tosca di Puccini per l'Associazione Tito Gobbi andata in scena nel maggio 2018 presso il teatro Orione di Roma.

Ad Ottobre 2018 inaugura il nuovo Teatro di Meixihu a Changsha in Cina interpretando il Principe di Persia ed Altoum nella Turandot al fianco del duo Casolla-Giuliacci.

A Novembre dello stesso anno apre il Gigli Opera Festival interpretando Cavaradossi a Recanati.

A Maggio 2019 debutterà il ruolo di Pinkerton ne la Butterfly al Teatro Sociale di Stradella (PV).

© 2018 Made by Samuela Solinas 

Samuela Solinas P.IVA 01739480331 - Giacomo Prestia P.IVA 04382020487 

  • Facebook Social Icon
  • Instagram Icona sociale
  • YouTube Icona sociale